Onefootball
Giacomo Galardini

Ancelotti pesca la carta Milik nel finale: Atalanta-Napoli 1-2


Allo stadio Atleti Azzurri d'Italia di Bergamo, il Napoli batte l'Atalanta per 1-2 grazie al gol dell'attaccante polacco, arrivato nei minuti finali.

La squadra di Ancelotti non brilla per gioco ma riesce comunque a collezionare 3 punti preziosi che la mantengono a -8 dalla capolista Juventus.

Gli orobici giocano molto bene, spingendo sulle fasce e creando molte occasioni oltre al gol di Zapata, ma non riescono a ribaltare lo svantaggio iniziale firmato Fabian Ruiz.

CRONACA

Neanche il tempo di mettersi comodi che al 2′ gli ospiti vanno subito in vantaggio: Insigne porta palla sulla destra in velocità, difesa bergamasca presa controtempo e palla rasoterra per Fabian Ruiz che deve solo appoggiare in porta.

Partenza super del Napoli che sblocca subito il risultato alla prima vera occasione della partita. E partita che prende una piega inaspettata: la Dea inizia un forcing nella metà campo del Napoli, che di fatto si limita a difendere e ripartire.

I ritmi alti imposti dalla squadra di Gasperini – alla ricerca del pareggio – lasciano ovviamente campo alle ripartenze degli avanti azzurri: Insigne (31′) viene pescato da Albiol e a tu per tu con Berisha mette a lato di poco un pallonetto interessante.

Il primo tempo va in archivio con gli orobici che fanno la partita, giocando a ritmi alti, ma creando poche occasioni: gli azzurri gestiscono in maniera ordinata e tentano l’affondo in contropiede.


Nella ripresa la Dea parte a razzo e sfiora il pareggio con Freuler: Zapata si allarga e mette in mezzo, lo svizzero a rimorchio trova però Maksimovic che devia il pallone.

Preludio al pareggio, che arriva grazie al gol di Duvan Zapata (56′): da un cross dalla sinistra di Gosens al centro dell’area di rigore Hateboer fa la torre per il colombiano che controlla il pallone davanti alla porta e lo insacca facilmente in rete: 1-1.

La Dea continua a tenere il baricentro alto: il Napoli, dal canto suo, non demorde. Ne nasce una ripresa molto aperta, nonostante negli ultimi 20 minuti comincino a finire le energie.

Nella girandola di cambi, Ancelotti pesca dal mazzo Milik per uno spento Mertens: il polacco ripaga il mister segnando su un cross dalla sinistro di Mario Rui. Aggancio al volo e sinistro a battere Berisha.

Si chiude così una bella partita: i partenopei fanno loro il Monday night, Atalanta punita oltre il risultato.

MIGLIORI

Hateboer (Atalanta): Per quantità e qualità corona una bella prestazione con un assist.

Milik (Napoli): Entra e segna: serata perfetta.

PEGGIORI

Allan (Napoli): Partita nella quale ha fatto fatica, la stanchezza si è fatta sentire.

Rigoni (Atalanta): Poco incisivo, ci si aspetta ancora che sbocci.

FORMAZIONI

NAPOLI (4-4-2): Ospina; Maksimovic (77′ Hysaj), Albiol, Koulibaly, Mario Rui; Callejon, Allan, Hamsik, Fabian Ruiz (Zielinski 77′); Mertens (82′ Milik), Insigne.

ATALANTA (3-4-1-2): Berisha, Mancini (Tumminello 89′), Palomini, Masiello, Hateboer, de Roon, Freuler, Gosens, Gomez, Rigoni (Valzania 71′), Zapata.