Onefootball
Giacomo Galardini

Dalla Corea arriva l’ennesima denuncia contro Cristiano Ronaldo


Non c’è pace per Cristiano Ronaldo. O almeno, per i suoi legali.

Dopo che lo scorso luglio la procura di Las Vegas – negli Stati Uniti – aveva diramato un comunicato che annunciava la caduta delle accuse di stupro nei suoi confronti, arriva un’altra causa contro il fuoriclasse portoghese.

Secondo quanto riporta Aritz Gabilondo per il quotidiano spagnolo AS, la polizia metropolitana di Seul ha aperto un indagine contro Cristiano Ronaldo per inadempienza contrattuale.

Il motivo del contendente sarebbe la mancata discesa in campo del campione di Funchal nell’amichevole giocatasi a Seul tra una rappresentativa della Serie A della Corea del Sud e la Juventus, finita 3-3.

CR7 è infatti rimasto in panchina per tutti i 90 minuti, facendo infuriare la TheFasta, agenzia che si era occupata del contratto coi bianconeri, in cui secondo Seok-hyun, avvocato della L.K.B & Partners, Ronaldo avrebbe dovuto giocare almeno 45 minuti.

Non sarà una passeggiata per i legali del portoghese, visto che oltre 2.000 tifosi delusi avrebbero iniziato una ‘class action‘ nei suoi confronti.