Onefootball
Mario De Zanet

La moviola di Milan-Juve, quanti dubbi: era rigore per la Juve o no?


Milan-Juventus, alla fine, è stata la sfida delle polemiche.

Perché Valeri è nel mirino di entrambe le formazioni per alcune decisioni.

Principalmente, l’arbitro di ieri sera è finito nel ciclone delle polemiche per il rigore concesso alla Juventus, nel finale.

E anche oggi, a ore di distanza, rimane difficile raggiungere l’unanimità nel giudizio: il braccio di Calabria è largo, ma il terzino è di schiena ed è appena atterrato da un salto. Il movimento sembra dinamico, appunto naturale, e quindi non punibile secondo le indicazioni di Rizzoli, ma si può discutere.

Al limite, anche il rigore chiesto da Cuadrado su una sbracciata di Rebic. Sempre il colombiano è vittima di un colpo a palla lontana da Kessie: Valeri non vede, l’ivoriano meritava il giallo.

Anche sui cartellini, c’è qualcosa da sottolineare: non si discute quello ad Ibra, ma il primo giallo di Hernandez arriva dopo un’irregolarità di Dybala.

Tanti errori, nessuno contento, pertanto, nella serata di San Siro. Non ci sta, soprattutto, Calhanoglu: il turco ha pubblicato una storia su Instagram con la didascalia “No comment”, con le immagini di ieri sera e del rigore non concesso al Milan nella sfida a Torino dell’anno scorso.

Una notte discussa, una notte di cui si parlerà forse anche dopo la gara di ritorno.