Lotito conferma Inzaghi: “Resterà qui a lungo, siamo una famiglia”

Onefootball Andrea Agostinelli

Spente le voci di un possibile ribaltone a Formello.


Nel momento più delicato della gestione Inzaghi, con la squadra costretta al ritiro punitivo dopo i tre pareggi consecutivi in campionato, Claudio Lotito scende in campo per difendere la Lazio.

Il presidente biancoceleste quest’oggi ha tenuto una conferenza stampa a Formello, a cui hanno preso parte anche il tecnico Simone Inzaghi, il direttore sportivo Igli Tare e il team manager Angelo Peruzzi per rassenerare l’ambiente.

“La Lazio è una famiglia – ha esordito Lotito – ci possono essere vedute diverse quando ci sono tanti figli, ma in questo caso non esistono. L’allenatore sarà qui nei prossimi anni, il direttore sportivo uguale e il club manager lo stesso. Chiariamo queste situazioni per far capire che non siamo transitori, ma definitivi. Abbiamo intrapreso un percorso di crescita infrastrutturale e di obiettivi. Abbiamo messo in campo tanti sforzi per far crescere il club e i risultati. Può capitare che qualche partita non vada nel senso giusto. Ma questo non lascia presagire catastrofi o rapporti deteriorati.

C’è rispetto delle persone e dei ruoli, non c’è dualismo. Siamo un gruppo unito, questo club vuole basare una famiglia sui valori veri e sul rispetto. La squadra è idonea per poter competere per le migliori posizioni. Vorrei che la comunicazione scritta, televisiva, radiofonica, sia verso il rispetto della verità, non additando cose totalmente false, che sono volte solo a destabilizzare un ambiente concentrato sugli obiettivi”.

View this post on Instagram

💪 Never give up. #MondayMotivation #CMonEagles 🦅

A post shared by S.S. Lazio (@official_sslazio) on

“Tutti quelli che hanno competenze tecniche ritengono questa squadra da quarto posto. Il campo lo deve dimostrare. E’ importante il guidatore, la macchina e il meccanico. Tutti concorrono per gli obiettivi, anche i tifosi. Abbiamo le potenzialità, lo dicono gli addetti i lavori e la storia dello scorso anno. Non mi sembra che la squadra si sia indebolita. Gli obiettivi non vanno solo dichiarati ma centrati. La nostra è una grande famiglia, non ci sono contrapposizioni. Non siamo dei visionari, quello che abbiamo detto l’abbiamo raggiunto, poi in campo ci vanno i giocatori e ci sono tanti fattori imponderabili.

L’anno scorso meritavamo la Champions, un punto ha fatto la differenza. Se ci fossero state situazioni diverse avremmo avuto ragione. Ora siamo quinti a -1 dalla quarta, abbiamo passato il turno in Europa League in largo anticipo. Poi le dietrologie a Roma esistono da sempre, mors tua e vita mea, per me è sbagliato. Sappiamo cosa possiamo fare e dove possiamo arrivare”.

View this post on Instagram

🔥 TEAM SPIRIT 🔥 #CMonEagles 🦅

A post shared by S.S. Lazio (@official_sslazio) on

“Le offerte per i giocatori importanti saranno valutate solo dal punto di vista tecnico”- ha poi aggiunto Lotito parlando di mercat0 -. Sono arrivate offerte in estate che nessun presidente avrebbe derogato. Abbiamo stabilito alcune cose e le abbiamo mantenute. Il mercato invernale sarà una valutazione tecnica, vedremo se e dove intervenire.