Onefootball
Giacomo Galardini

Premier, Sergio Agüero nella leggenda: merita il pallone d’oro?


Non solo per via della tripletta strepitosa segnata nel match contro il Chelsea che ha demolito la panchina di Sarri: Sergio Agüero è in un periodo strepitoso di forma. Ma non è un caso: lo dicono in numeri.


Nel match di ieri, l’argentino ha messo a segno, in 65 minutiL tre gol, una traversa di testa, e un gol sbagliato a porta vuota. insomma, quando è in giornate come quella di oggi, Sergio Agüero sembra davvero inarrestabile.

Da quando è al Manchester City, in tutte le competizioni disputate, ha realizzato uno strepitoso totale di 222 gol in 322 match, con una media di 0,68 gol a partita.

El Kun può annoverare: una cinquina, due poker, 15 triplettete (con quella di ieri sono 11 in Premier League, raggiunto il record di Alan Shearer) e ben 25 doppiette.

Inoltre: è capocannoniere della Premier con 17 gol in 23 partite, e da oggi è il marcatore più prolifico della storia dei Citizens in Premier League (di tutte le competizioni lo era già prima).

Numeri da brividi di un attaccante strepitoso, che non si limita solo a segnare, ma anche a correre, lottare e partecipare alla manovra, con una voglia ed una fame insaziabile.

Manchester-City-v-Chelsea-FC-Premier-League-1549886433.jpg

Ma la statistica che più risalta è la sua abilità di essere decisivo nei big match con le grandi, quando la pressione manda in tilt i giocatori: contro Manchester United, Chelsea, Liverpool, Arsenal e Tottenham ha segnato 43 gol in 62 partite giocate.

Sperando che a France Football si intendano di numeri…